L'accordo raggiunto con placet delle sigle sindacali

Fincantieri estende assistenza sanitaria a persone unite civilmente

sede Fincantieri
Le unioni civili entrano in Fincantieri

Genova, 10 febbraio – Il grande gruppo navale – che conta 20.000 dipendenti ed è uno dei più grandi al mondo– ha siglato un'intesa di base che consente anche ai soggetti che hanno stipulato un'unione civile di accedere all'assistenza sanitaria integrativa aziendale. L'accordo raggiunto con FIM, FIOM e UILM. Il protocollo consentirà la copertura delle prestazioni mediche anche alla compagna o al compagno in unione civile che sia a carico fiscale della lavoratrice o del lavoratore, nonché alla prole a carico o non a carico, a seconda che i genitori siano conviventi o meno, senza limiti d'età. Nessun onere previsto per le persone impiegate. La decisione si inscrive nell'applicazione del Contratto integrativo aziendale stipulato a giugno 2016. Fincantieri verserà 280 euro a testa per dette prestazioni e per quelle assistenziali, al fine di raggiungere una copertura più ampia rispetto al SSN.

di Lidia Borghi